Archivio per ottobre 2015

Progressi Accampamento   Leave a comment

Visto che questo venerdì verrà effettuata la giocata di candidatura per il terzo mandato del Consiglio, e visto che il gioco per un motivo o per l’altro (ovviamente colpa mia che non sviluppo e ho relativamente poco tempo per giocare) langue, faccio questo post per stabilire quello che è successo in questo periodo, prevalentemente di background, così da sapersi orientare meglio.
Ci tengo a precisare che la lettura del forum e di questo blog, per quanto non strettamente obbligatori, è caldamente suggerita, in quanto quello che viene scritto qui (o sul forum nelle apposite sezioni) è realtà in gioco, e quindi non ignorabile.

Siccome il tempo che posso dedicare alla programmazione è limitato e direttamente collegato alla pressione lavorativa e alla successiva lucidità mentale quando torno a casa, nell’ultimo periodo a causa di nuovi progetti pressanti ho dovuto allentare lo sviluppo, quindi tutte quelle belle meccaniche di crafting e simulazione del lavoro dei png è momentaneamente sospesa.
Giustamente mi è stato fatto notare che questo non deve costringerci a rimanere fermi. Così come stiamo abbozzando e giocando “senza regole” tutte le altre meccaniche non ancora automatizzate, possiamo farlo anche con questo.
Per questa ragione ho intenzione di dare un significativo boost allo stile di vita dei personaggi in tempi relativamente brevi.

Tanto per cominciare possiamo dare di background che siano stati costruiti diversi ripari, un po’ di fortuna certo, sulla spiaggia e le zone limitrofe. Non c’è un vero diritto di proprietà, sono un po’ come le fermate dell’autobus al coperto, chi trova posto ci si mette e il resto si affida alla civiltà. I dormienti ora sono al coperto, per quello che serve.
C’è un iniziale accesso alla carne. Ogni tanto qualche cacciatore esperto porta un po’ di selvaggina, non molta ma almeno di tanto in tanto ci si può mangiare un boccone. Stessa cosa dicasi per il pesce.
Con la cacciagione c’è anche accesso al pellame, quindi alcuni conciatori stanno iniziando a valutare tecniche per fabbricare nuovo vestiario partendo da questo.
Per quel che riguarda la zona della stele di pietra, non ha più senso giocarsela deserta. A qualsiasi ora del giorno e della notte è lecito stimare che ci sia qualcuno in preghiera. D’altro canto con 1’500 persone presenti e un solo luogo di culto effettivo, è difficile trovare momenti in cui non ci sia nessuno.
Comunque sarà tutto elencato meglio nei punti che ripropongo quasi ad ogni post per ricordare la situazione giocabile.
(PS: I punti segnati come standard vengono rimossi dall’elenco in quanto rappresentano ormai la norma di gioco)

COSA GIOCARE
– I personaggi sono dotati di pantaloni, casacca e stivali, tutti forniti dalla nave, anonimi e di fattura mediocre, ma alcuni esperti stanno iniziando a valutare la lavorazione di pelli animali (MODIFICATO)
– L’umore sociale è stato scosso dalla recente notizia del primo furto, una caccia all’uomo è iniziata ma la descrizione del ladro è troppo vaga (MODIFICATO)
– E’ stata avvistata della fauna e alcuni cacciatori e pescatori hanno iniziato a portare un po’ di carne e pesce all’accampamento (MODIFICATO)
– Un gruppo di volontari si sta dedicando in maniera particolare alla raccolta di legname ed erbe robuste per scopi di costruzione, e ha edificato diversi ripari per la pioggia, soprattutto per i dormienti (MODIFICATO)
– Gruppi di preghiera si riuniscono giornalmente alla stele di pietra, generando un pellegrinaggio frequente avanti e indietro dall’accampamento
– La popolazione attuale è di 2000 persone, delle quali 1500 operative e 500 addormentate
– Acqua dolce e cibo sono attualmente considerabili sufficienti a sfamare la popolazione, non c’è abbondanza, ma lavorando bene ce n’è per tutti
– Il legname da ardere è sufficiente ad alimentare i fuochi che aiutano a stare al caldo e all’asciutto dopo la pioggia
– Bastoni e pietre possono essere raccolti per difesa personale
– Ci sono gruppi organizzati di guardie che pattugliano l’accampamento, ma non ci sono effettivi pericoli in vista
– L’attuale lavoro del consiglio ha un po’ diviso la popolazione nel dubbio, fra chi è contenta che ci si muova e chi è dubbiosa per la lentezza delle decisioni prese (STANDARD)
– Le tensioni sociali globali sono state allentate dall’elezione del Consiglio, c’è speranza che i Consiglieri possano migliorare le cose (STANDARD)
– I nuovi esodati arrivati hanno accettato di buon grado l’idea del Consiglio attualmente eletto, e si stanno ambientando bene, grazie ad alcuni volontari (STANDARD)
– Non ci sono ripari efficienti dalla pioggia (RIMOSSO)

Pubblicato 7 ottobre 2015 da Frhay in Senza categoria